logo_gob titolo logo_museo

Museo Civico di Scienze Naturali "E. Caffi"

   

ATLANTE DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

La pubblicazione dell’Atlante degli uccelli nidificanti della provincia di Bergamo è il risultato di una ricerca protrattasi nell’arco di sei anni consecutivi (2007-2012), che ha preso in considerazione l’intero territorio provinciale, ripartito in 130 Unità di Rilevamento con lato di 5 km.
La ricerca, promossa e coordinata dal Gruppo Ornitologico Bergamasco costituitosi presso il Museo Caffi, ha coinvolto 136 rilevatori. Nel corso dell’indagine sono stati raccolti complessivamente 24.415 dati. Le informazioni sono state integrate con il contributo di dati fornito da amministrazioni locali, associazioni ambientaliste, stazioni di inanellamento dell’avifauna e organismi afferenti al mondo venatorio.
La ricerca ha permesso di verificare la nidificazione nel territorio provinciale di 152 specie di uccelli, per ciascuna delle quali sono state prodotte schede che descrivono la distribuzione areale (con apposita mappa), le preferenze ecologiche, lo status di conservazione, i principali fattori di minaccia e le misure di conservazione suggerite per la salvaguardia. I testi di commento sono corredati da una serie di elaborati che illustrano in forma grafica le principali informazioni raccolte sulle singole specie.
Fra i dati raccolti spiccano le segnalazioni riguardanti alcune specie di cui è stata documentata per la prima volta la nidificazione nel territorio provinciale (Smergo maggiore, Fistione turco, Moretta, Gabbiano reale e Picchio rosso minore); fra le specie di particolare interesse per la loro rarità si segnalano anche Re di quaglie, Rondone pallido e Bigia padovana.
Nel complesso i risultati dello studio evidenziano come il territorio provinciale, grazie alla notevole diversificazione degli ambienti naturali, offra un’ampia disponibilità di habitat per la nidificazione. In particolare la ricerca ha messo in luce la presenza di un’avifauna ricca e ben diversificata in alcuni settori montani, nelle zone meglio conservate dell’area collinare e in limitate fasce della pianura adiacenti ai principali corsi d’acqua. Le zone maggiormente penalizzanti per l’avifauna si localizzano per contro in corrispondenza di aree di pianura con estesi coltivi a carattere intensivo e in tratti dei maggiori fondovalle densamente edificati.
I dati raccolti evidenziano uno status favorevole rispetto al passato per le specie tipiche di ambienti boschivi e per alcuni rapaci diurni, mentre viene evidenziato lo stato di crescente precarietà per molte specie tipiche di ambienti aperti e di zone agricole tradizionali. Si rimarca inoltre come numerose specie nidificanti versano in uno stato di conservazione precario a causa di una serie disparata di fattori di origine antropica, fra cui il progressivo consumo di territorio, la rimozione di siepi naturali e filari nelle zone agricole e il fenomeno di abbandono degli alpeggi nelle aree montane.

RILEVATORI
Marco Adobati, Alberto Aguzzi, Roberto Albrici, Francesca Baccalini, Marcella Baccalini, Marco Barcella, Enrico Bassi, Aristide Bellini, Juri Belotti, Claudia Bencetti, Stefano Benini, Piero Bertocchi, Donatella Bettini, Giuseppe Bogliani, Afra Bombardieri, Alberto Bonacina, Marco Bonaldi, Anna Bonardi, Raffaella Bonfanti, Mattia Brambilla, Giampaolo Brignoli, Francesco Burgio, Marco Caccia, Mario Caffi, Enrico Cairo, Ettore Camerlenghi, Eugenio Carlini, Beppe Carminati, Fabio Casale, Sergio Cassis, Dario Ceresoli, Antonio Ceruti, Marco Chemollo, Simone Ciocca, Franco Colnago, Giuditta Corno, Cristina Crestani, Chiara Crotti, Federica dal Sasso, Alvaro Dellera, Federico Dolci, Renzo Dolci, Ludovico Drioli, Cristina Facchinetti, Roberto Facoetti, Luciano Falgari, Roberto Farina, Elisabetta Ferrario, Cristina Foglia, Dante Foiadelli, Emanuele Forlani, Giosuè Galbiati, Flavio Galizzi, Marina Gallizioli, Franco Gandi, Pietro Gatti, Luciano Gelfi, Piero Gervasoni, Matteo Ghislandi, Luca Gibellini, Giovanni Giovine, Fabio Gnoni, Paolo Lanfranchi, Franco Lavezzi, Bruno Leoni, Claudio Locatelli, Fabrizio Locatelli, Loredana Longoni, Paola Lorini, Mirko Maffeis, Enrico Magnetti, Francesca Mariani, Francesco Marrone, Marco Mastrorilli, Renzo Matta, Alessandro Mazzoleni, Mimi Mazzoni, Sergio Mazzotti, Stefano Milesi, Luciano Mingarelli, Gianbattista Moroni, Luigi Mostosi, Gaetano Nava, Petri Nava, Alberto Nevola, Istituto Oikos, Franco Orsenigo, Aronne Pagani, Luca Pagani, Anna Paganoni, Sara Pagliaroli, Gabriele Papale, Enrico Parigi, Giovanni Parigi, Enrica Pauli, Alessandro Pavesi, Davide Pedersoli, Ambra Pedrazzoli, Michele Perego, Giuliana Pirotta, Dario Porta, Guido Premuda, Ivan Prussiani, Massimo Ragusa, Luca Ravizza, Giuseppe Redaelli, Edoardo Ricci, Rodolfo Rigon, Gianluca Roncalli, Daniele Rota, Diego Rota, Roberto Rota, Gianni Rottoli, Roberto Santinelli, Vittorio Saporiti, Maffeo Schiavi, Caterina Seghezzi, Nicolas Semperboni, Daniela Smania, Silvano Sonzogni, Antonio Stefanelli, Guido Stefanelli, Andrea Tarozzi, Giorgio Testolino, Alessandra Trotti, Paolo Trotti, Giancarlo Ubiali, Fabrizio Usubelli, Paolo Valiati, Marco Valle, Enrico Viganò, Giuseppe Visinoni, Alfredo Zambelli, Giordano Zanaboni, Pietro Zucchelli, William Zucchelli.

CONTRIBUTI
RILEVATORI POLIZIA PROVINCIALE DI BERGAMO: Gianbattista Albani Rocchetti, Aristide Bellini, Bruno Boffelli, Daniele Carrara, Francesco Cittadini, Maurizio Farina, Giovanni Moioli, Luigi Nervi, Michele Perego, Diego Rota, Walter Serpellini, Giorgio Testolino, Fabrizio Usubelli, Lorenzo Ziboni, Romano Ziboni.

ASSOCIAZIONI: CRAS Valpredina (Enzo Mauri, Matteo Mauri e collaboratori), Stazione Ornitologica "La Passata" (Maffeo Schiavi e collaboratori), Stazione Ornitologica "Cascina Ursina" (Roberto Rota e collaboratori), Stazione Ornitologica "Capannelle Onlus" (Fabrizio Usubelli e collaboratori), Gruppo del Parco del Roccolo di Treviglio.

ALTRI CONTRIBUTI: Circolo U.N.C.Z.A. "Prealpi Orobiche" (Marco Bonaldi e collaboratori), C.A.C. "Valle Borlezza" (ref. Massimo Ragusa), C.A.C. "Valle di Scalve" (ref. Massimo Ragusa), Parco Regionale del Serio (ref. Renzo Zorzet e Ivan Bonfanti).

ELABORAZIONE DATI
Elaborazioni dati cartografici mediante software GRASS e QGIS
Database: Libreoffice Base e PostgreSQL
Elaborazioni statistiche e grafiche: R
Interrogazione del database on-line (MySQL) tramite Php

Tutto il software citato è a codice aperto e licenza libera (FOSS: Free and Open-Source Software).

Per ulteriori informazioni e/o dettagli tecnici, contattare Roberto Facoetti

SOMMARIO

7 - PRESENTAZIONE

9 - ELENCO DEI COLLABORATORI

11 - RINGRAZIAMENTI

13 - INTRODUZIONE

14 - Gli atlanti ornitologici in Italia

17 - IL TERRITORIO
17 - Settore montano
18 - Fascia collinare
18 - Area sebina
19 - Zona planiziale
19 - Aspetti climatici

21 - L'AVIFAUNA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO
22 - Rassegna cronologica degli studi sull'avifauna
26 - Lo studio delle migrazioni e le stazioni di inanellamento

33 - L'ATLANTE ORNITOLOGICO
33 - Metodologia e criteri di rilevamento
35 - Raccolta e catalogazione dei dati

45 - LE SPECIE NIDIFICANTI
45 - Esposizione dei dati
49 - Analisi ed elaborazioni statistiche dei dati
57 - Elenco sistematico delle specie
60 - Schede descrittive
401 - Altre specie osservate

407 - ANALISI DEI RISULTATI
409 - Grado di copertura
412 - Distribuzione delle specie
416 - Ricchezza di specie e composizione dell'avifauna
423 - Specie di interesse conservazionistico
426 - Confronto con il passato
440 - Confronto con altri atlanti provinciali

447 - AMBIENTI DI INTERESSE ORNITOLOGICO
448 - Ambienti antropizzati
449 - Ambienti agricoli
451 - Ambienti boschivi
454 - Ambienti aperti e semiaperti
457 - Ambienti acquatici
458 - Selezione degli habitat
458 - Gli hotspots ornitologici del Bergamasco

463 - IMPATTI SULL'AVIFAUNA E MISURE DI CONSERVAZIONE
464 - Impatti indiretti: alterazione degli habitat e frammentazione ecologica
467 - Impatti diretti
469 - Finanziamenti per la realizzazione di miglioramenti ambientali in favore dell'avifauna in provincia di Bergamo

483 - APPENDICE 1
483 - Schede tecniche - Impatti indiretti
509 - Schede tecniche - Impatti diretti

524 - APPENDICE 2
524 - Là dove c'era un prato, ora c'è una scommessa di biodiversità: l'area umida di Ranica

527 - PORTFOLIO

577 - RIASSUNTO

481 - ABSTRACT

585 - BIBLIOGRAFIA

597 - INDICE ANALITICO DELLE SPECIE